Pretražite po imenu i prezimenu autora, mentora, urednika, prevoditelja

Napredna pretraga

Pregled bibliografske jedinice broj: 988294

Dalla Trilogia istriana: appunti sul romanzo La ragazza di Petrovia di Fulvio Tomizza


Deghenghi Olujić, Elis
Dalla Trilogia istriana: appunti sul romanzo La ragazza di Petrovia di Fulvio Tomizza // Studia Universitatis Hereditati, 4 (2016), 2; 9-20 doi:10.26493/2350-5443.4(2)9-20 (međunarodna recenzija, članak, znanstveni)


Naslov
Dalla Trilogia istriana: appunti sul romanzo La ragazza di Petrovia di Fulvio Tomizza
(From the Istrian trilogy: Notes on the novel La ragazza di Petrovia of Fulvio Tomizza)

Autori
Deghenghi Olujić, Elis

Izvornik
Studia Universitatis Hereditati (2350-5443) 4 (2016), 2; 9-20

Vrsta, podvrsta i kategorija rada
Radovi u časopisima, članak, znanstveni

Ključne riječi
trilogia istriana, esodo, confine, sradicamento, profughi
(Istrian trilogy, exodus, border, displacement, refugees)

Sažetak
Il saggio esamina il romanzo La ragazza di Petrovia, che con Materada (1960) e Il bosco di acacie (1967) costituisce la «trilogia istriana» di Fulvio Tomizza (1935-1999), nella quale lo scrittore sviscera la realtà dell'esodo istriano e ne esamina le tappe senza punte polemiche, bensì attraverso una rievocazione storico-documentaria oggettiva, che diventa una vera e propria autobiografia collettiva. La ragazza di Petrovia (1963), il secondo romanzo della trilogia, è l'ideale continuazione di Materada, ma è anche un libro decisivo per la futura produzione narrativa dell'autore istriano. Le vicende narrate nel romanzo si collocano in un momento cruciale della storia dell'Istria, quando l'esodo è una scelta imposta agli istriani e compiuta irreversibilmente. La «partenza snaturante» è in gran parte avvenuta. Il confine è stato varcato dalla maggior parte degli abitanti della penisola e il «cerchio magico», che circondava e racchiudeva protettivo il contadino nel suo ambiente, si è definitivamente spezzato. Lo scavo psicologico dei personaggi, che lo scrittore amplierà secondo nuove linee evolutive ne L'albero dei sogni (1969), mette in luce la condizione di disagio, di sgomento e smarrimento dei profughi privati della vitalistica voglia esistenziale e trascinati oltre il confine, via da una terra che è appartenuta loro per secoli. Da una realtà nota e interpretabile come quella descritta in Materada, ne La ragazza di Petrovia si passa alla descrizione della condizione di alienazione vissuta dagli istriani dopo l'esodo, alla rappresentazione di una realtà sconosciuta e imprevedibile che la gente semplice della campagna non riesce a comprendere. La percezione del cambiamento accomuna tutti, ma ciascuno risponde con sensazioni proprie al mutamento: tutti i personaggi sono ormai degli "io-monadi". Nel momento in cui si oltrepassa la frontiera è come se il «cerchio magico» si spezzasse irrimediabilmente, e di conseguenza mutasse anche il carattere dell'individuo: si diventa diversi e come stranieri gli uni agli altri.

Izvorni jezik
Ita

Znanstvena područja
Filologija



POVEZANOST RADA


Ustanove
Sveučilište Jurja Dobrile u Puli

Profili:

Avatar Url Elis Deghenghi Olujić (autor)

Citiraj ovu publikaciju

Deghenghi Olujić, Elis
Dalla Trilogia istriana: appunti sul romanzo La ragazza di Petrovia di Fulvio Tomizza // Studia Universitatis Hereditati, 4 (2016), 2; 9-20 doi:10.26493/2350-5443.4(2)9-20 (međunarodna recenzija, članak, znanstveni)
Deghenghi Olujić, E. (2016) Dalla Trilogia istriana: appunti sul romanzo La ragazza di Petrovia di Fulvio Tomizza. Studia Universitatis Hereditati, 4 (2), 9-20 doi:10.26493/2350-5443.4(2)9-20.
@article{article, author = {Deghenghi Oluji\'{c}, E.}, year = {2016}, pages = {9-20}, DOI = {10.26493/2350-5443.4(2)9-20}, keywords = {Istrian trilogy, exodus, border, displacement, refugees}, journal = {Studia Universitatis Hereditati}, doi = {10.26493/2350-5443.4(2)9-20}, volume = {4}, number = {2}, issn = {2350-5443}, title = {From the Istrian trilogy: Notes on the novel La ragazza di Petrovia of Fulvio Tomizza}, keyword = {Istrian trilogy, exodus, border, displacement, refugees} }

Citati